Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 386


andaménto (- te) m., andamento in senso generale, morale e materiale.

andài B. V. andèi, m., andana, am­piezza del­la falciata. Seà d -, falciare spedi­to, senza in­toppi né incertezza. ACC., 1440, … et vadit su­pra via prae­dictam circha una andagnu (la lar­ghezza cioè di un´andana).

andài B. V. andèi, m., strisciata d´erba che si forma man mano falciando su ogni corsia. Sca­rà i andes, stendere l´er­ba falciata perché asciughi e secchi.

andadóra (- res) f., andana; ponte d´impal­catura.

ànda (- des) f., andatura; andamento solleci­to, deciso, sicuro. Dì de -, andare speditamen­te. Dì co n -, incedere con andatura marziale.

ancuói o incuói avv., oggi.

ancudinèla (- les) o incudinèla (- les) f., piccola incudine da falegname.

ancorà tr. 1, fissare cose mobili.

ancùdin (-nes) o incùden m., incudi­ne.

ancóna * altariól.

ànbres f. pl., monile, vezzo d´ambra da porta­re al collo. L à doi guoie come doi -, ha gli oc­chi chiari e luminosi come due chicchi d´am­bra.

anbiziós, sa agg., ambizioso, vanito­so. L é tanto -, é tanto ambizioso.

anbizión (- nes) f., ambizione, vani­tà. L é n – coi fioi cossì brae, è un´am­bizione avere dei fi­gli così bravi.

anbìguo, a agg., ambiguo, falso, ipo­crita; pers. che suscita dubbi sul fine che si propo­ne. Parlà -, discorso ambi­guo che si presta a più interpretazioni.

anàda (- des) f., annata.

anbì tr. 3, ambire, desiderare, aspira­re.

anbientà intr. 1, ambientarsi, accli­matarsi, abi­tuarsi.

àn (i) (f. na) art. ind. m., uno.

àn (ànes) m., anno. - da pioa – d abon­danza, anno piovoso abbondante di rac­colti. L é lon­go come l – de la fame, è lungo quanto l´anno del­la fame, detto di cosa lunga, tediosa, no­iosa.

amulèr (- res) m., pianta del pruno (*sopra).

amoscà intr. 1, insospettire, dubitare, paventa­re.

àmul (- mui) m., frutto del pruno (Pru­nus do­mestica).

amór m., amore, benevolenza, attac­camento al dovere, amoreggiamento. L à – par al sò laoro, ha amore per quello che fa. Fai, B. V. fei l -, amoreggiare, essere fidanzato.

amìgo (- ghe) o amìze (- zes) m., ami­co.

amizìzia (- zies) f., amicizia.

amìga (- ghes) o amìza (- zes) f., ami­ca.

amigà tr. 1, amicare, contrarre amicizia. R. amicarsi.

améte tr. 2, ammettere, tollerare.

àmeda (- des) f., zia. INVV., 1667, … mes­ser Zuanne e amia.

amassà tr. 1, ammassare, ammuc­chiare, in­cettare.

amàro, a agg., amaro. - come il fiel o come l tossego, amaro come il fiele o il veleno.

amaréza (- zes) f., amarezza, delusio­ne, scon­forto, disgusto.

amareià tr. 1, amareggiare, deludere, addolo­rare. R. amareggiarsi, rimanere delusi; dispia­cersi.

amà tr. 1, amare, ma con rifer. solo a cose come ad es.: i piere – l cioudo, B. V. ciaudo, le patate amano il caldo. Con rifer. a pers. si usa la loc. golé ben, vo­ler bene.

àlze (- zes) m., calzatoio.

alzón (-zói) V. arzuói, m., arco in le­gno che sosteneva la zanzariera della culla.

altàr (- res) m., altare.

altariól m. arc., tabernacolo costruito in luo­go aperto, dedicato a santi.

alóra avv., allora, in quel momento, a quel tempo.

Alpàgo m., Alpago, distretto del Bellu­nese compreso tra la media vallata del Piave e le provincie di Treviso e Porde­none, a monte del lago di S. Croce.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati