Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 916


avv. C v qua, qui. Ecolo -, eccolo qua (o qui). - de – ca, qua, qua ap­presso. - de n tin, di qui a poco. - e là, qua e là. - fora, qui fuo­ri, all`e­sterno. - l é argo che no và, qui cè qual­cosa che non va. - ape­de, qui acco­sto, vici­no. In -, in qua, da que­sta par­te. In – e in là, in qua e in là.

cabiòto (- te) m., baracchetta, cabi­na, sgabuzzi­no in legno o muratura.

càbola (- les) f., frottola, fandonia.

cabolà tr. 1, frottolare, raccontare cose che sian frutto d`immaginazio­ne.

càca (- ches) f., cacca nel gergo in­fantile.

cadarléto (- te) m., portantina per i morti pri­ma degli attuali furgoni.

cadó avv., quaggiù.

cadorìn, a agg., cadorino.

cafè¹ m., fiore dell`aquilegia (Aquile­gia atra­ta).

cafè² négro m., caffè. - bianco, caf­felatte.

cagadór ( – res) m., latrina.

cagarèla o desgorènza f., diarrea.

càgna (- gnes) f., fiacca e per trasl., fame.

cagnìze m., freddo intenso, pungente; det­to di chi ha la faccia intirizzita per freddo o scar­na, smunta, emaciata.

cagnòl m., ruota che spinta dall`azione di un braccio a ga­nascia sulla circonferenza, il qua­le è in col­legamento con il meccanismo traen­te dell`impianto, sposta il carro della sega vene­ziana tirandol­o avanti in conco­mitanza con i movimenti della sega.

caìcio, a agg., avido; avaro, tac­cagno.

cainà intr. 1, guaire del cane; ge­mere di anima­le ferito o mala­to.

càl (cài) m., càla (càles), f., agg. interr., quale, quali. - elo che te pia­se? Qual è che ti piace? Cala elo che te dis tu? Qual è che dici tu? Cai guósto (o gósto)? Quali vuoi? Cales saralo la ora bones? Quali sa­ranno le ore buo­ne?

càla (-les) f., calla (Calla palustris).

calà tr.1, calare; abbassare un ogg. sospeso; diminuire l`altezza di qualco­sa. Intr., di­minuire di peso. R., calarsi dal­l`alto.

calamàr (- res) m., calamaio; pesche agli occhi.

càlca (- ches) f., calca, ressa. L era na – da spasemasse, c`era una ressa da spaventarsi.

calcà tr. 1, calcare; pigiare; ricalcare disegni o schizzi; calcare le pa­role. - ize, far penetrare a forza. - sote, cal­care; cacciar giù; pi­giare per appianar­e terra smos­sa.

càlcol (- coi) m., calcolo, conteggio; operazione matematica.

calcolà intr. 1, calcolare, conteggiare.

calènda grèches loc., calende gre­che, che equivale a rimandare all`infi­nito un termine, non esistendo le ca­lende presso i greci.

calesèles (Can.) * calèses.

Calèses Can. calèseles. S., rozàdes, f. pl., carreggiata; solchi delle ruo­te o dei patti­ni del­le slitte sulla neve. A S. si dice nella vers. sing. ro­zàda per espr. il danno provocato da un transito abusi­vo di veicolo: i à fato duta na ro­zada!

calighèr m. arc., calzolaio.

calìghin, S.B. calìgo m. fuliggine.

calìgo (- ghe) m., foschia, velo di neb­bia.

càlma (- mes) f., calma; quiete.

calmà tr. 1, calmare, mettere calma. R. cal­marsi, zittirsi, quietarsi. Al s à -, si è cal­mato (detto di malato agitato). La fiora s à -, la feb­bre, la temperatura s`è abbas­sata.

calmànte (- tes) m., calman­te, lenimento.

calmiér (- res) m. calmiere. ACC, 1557, … sive calmiero.

càlmo, a agg., calmo, quieto; posato.

càlo (- le) m., callo, durone, occhio di perni­ce; perdita, di­minuzione di peso, volu­me, co­sto; tara.

calònega (- ghes) f, canoni­ca, casa del par­roco.

calór (-re, S., - ri) m., calore, calura. Dì in -, andare in calore degli animali.

calorós, sa agg., caloroso, che non soffre il freddo; pers. sogg. a riscaldi frequenti.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati