Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 393


fàa¹ (-es) f., fava, baccello (Vicia faba).

fàa² màta f., aconito, napello (Aconitus napellus).

fabisògno (-gne) m., fabbisogno, legname da opera concesso ogni 10 anni ai regol. per i propri bisogni, in parte gratuito.

fàbrica (-ches) o fràbica f., fabbricato; costruzione in genere. Al s à fato na – nuoa, B.V., nuóva, si è costruito un altro fabbricato.

fabricà o frabicà tr. 1, fabbricare, costruire, edificare.

fabrizerìa f., fabbriceria che amministra i beni di una chiesa.

fabriziér (-re, S., -ri) fabbricere.

fachìn m., arc., vettore di merce varia (non legname).

Fadàuto m., Fadalto.

fadìa (-diès) f., fatica.

faghèr m., o faghèra (-res), f., faggio (Fagus sylvatica). GLOS., 1345, ... sub vespora; 1545, ... fu fatta una crose in una vespora.

faghèra * faghèr.

fagotà tr. 1, sfaccendare; fare senza impegno quasi per passatempo.

fagòto (-te) o fagotón (f., a) m., fagotto; ingombro; pers. goffa, impacciata.

fagotón * fagòto.

fài¹ B.V., fèi, m., modo; maniera, contegno; comportamento. An – da sior, modo di fare signorile.

fài² B.V., fèi, tr. 2, vb. serv., fare, operare; costruire; partorire degli animali. Intr., esercitare arte o mestiere; disimpegnare cariche, R., farsi da sé. - bel, giocare nel gergo infantile. - ben, fare bene, comportarsi bene. - dan, danneggiare. - fora, finire, concludere un lavoro; liquidare un conto, un impegno. - l amor, essere fidanza­to. - mal del fuó, provocare in­cendio. - su, costruire, edificare, - al sindaco, svolgere mansioni di sinda­co. Il predicato della 1a persona. sing. dell`ind. pres. (ió faso), della 3a sing. e pl., del congiunt. pres. (che ió, tu té, el l, ì i fase) può essere sostituito con fazo: che ió faze, té fazes, l faze, i faze.

fài³ catàsta (S.) * bete in canzèl.

falà intr. 1, fallare, sbagliare.

falaròto (-te) o fàlo m., malefatta nel filato.

fàlda (-des) f., falda, grembiule da lavoro; falda di tetto.

falegnàme o marangón m., falegname, mobiliere. ACC., 1500, fabrilignarium.

falì¹ intr. 3, fallire; mancare il colpo; sbagliare la mira.

falì², da agg., fallito ma più pro­priam. pers. inetta, incapace.

falìssa (-ses) f., falavesca, scintilla (* bolìfa).

falissà S.B., sfalissà, intr. 1, l`accingersi del tempo a nevicare con fiocchi gelati e minuscoli che vagano incerti se cadere o meno.

fàlo * falaròto.

falsificà tr. 1, falsificare, manomettere.

falsità (-tàs) f., falsità, ipocrisia.

fàlso, a agg., falso; ipocrita; sleale. Sfidà -, detto di quando, giocando a tressette si bussa su gioco che non si ha.

faméa (-mées) f., famiglia; ragazzi in genere. L é na – polito, è una famiglia per bene. Cé guo­sto, l é -, che vuoi, sono ragazzi.

fameàta (-tes) f., famiglia di poco conto, sen­za moralità; ragazzi irrequieti, turbolenti, dispet­tosi.

faméi m., famiglio.

fameòla (-les) f., famigliola; famiglia molto affiatata, legata anche se numerosa.

fameóna (-nes) f., famigliona; famiglia di nome e di censo.

fanèla f., flanella.

fangós (Vin.) m. pl., gambali, stivali od altro che ripari le gambe dal fango.

fantolìn (f., a) m., infante. Iéso l mé – de oro, Gesù il mio bambino d`oro!

fardèl (-diéi) S., fradèl, m., fratello.

farfèla (-les) S., pitamadòna (-nes), Vin., pitarèla (-les)


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati