Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 478


i!² inter., comando al cavallo di camminare; espressione di repulsione, ribrezzo o vergo­gna.

art. m. pl., i, gli.

i³, o lóri pron. 3a pl. m., loro, essi, ce, ci; pron. atono di 3a pers. pl. m., che contrar. al­l`analogo sing. rimane invariato. I – à magnà, essi hanno mangiato. I – é oi, essi sono buo­ni. Nella costruz. indiretta può essere usato come sogg.; sempre che sia seguito dagli ausi­liari (é, à), dai tempi composti di tutti i vb. o dal predicato che inizi con vocale: - à fato, hanno fatto; - à ridù, hanno riso.

ìa par pède ia B.V. vìa par pede vìa, loc., usata con significat­o di sfiorare, toccare ap­pena, anda­re così così alla meno peg­gio.

ìa¹ B.V. vìa, avv. via, in funz. di particella riempitiva: Dà; bucià, bete -, dare; gettare; mettere via o – de là, dì -, via di qui, andare via, andarsene, ecc. In funz. indicativa rispetto a direzione và – là o ladó, vai via da quella parte, in quella direzione, o quaggiù da quella parte, dipende dal punto in cui si trova colui che parla e colui che ascolta. Và -, và lontan da mi, vai via, vai lontano da me.

ìa² B.V. vìa, m., dare il via; avviare.

iachéta (- tes) f., giacca.

Iàco m., Giacomo, usato inoltre nella loc. la ian­bes che fa -, le gambe che fanno giacomo.

iaculatòria (- ries) f., giaculatoria.

iài (S.) * iàu.

iàia (- ies) zia nel lessico infant.

iàido * àido.

iàl (iài) m., gallo. - forzel, g. forcello o di monte (* lauriòto). - grotón o zedrón, g. ce­drone.

iànba (- bes) f., gamba. L é na bona -, è una buona gamba, buon camminatore.

ianbarelón V. ianburlón, m., di gamba lun­ga, gamberellone.

ianbàula (Vin.) * polènta.

iànbo (B.V.) * gànbo.

ianburlón (V.) * ianbarelón.

iandarléto B.V., ianiarléto, garretto.

iandùssa f., bubbone. Se no l é cancro l é -, se non è cancro è bub­bone.

ianiarléto (B.V.) * iandarlé­to.

iàra (- res) f., ghiaia.

iardón (- doi) m., astone, stoppione (Cir­sium arvense).

iàse intr. 2, infiltrarsi di liquidi; trasudare.

iàsena (- nes) f., drupa del mir­tillo nero (Vaccinium myrtil­lus).

iasenèi S., iasenès, m. pl., pian­ta del mirtil­lo nero (Vacci­nium myrtillus).

iasenès (S.) iasenéi.

iatamòrta agg., detto di perso­na sorniona, equivoca, taciturna.

iataòrba * duià.

iàte (- tes) m., gatto. L é svel­to come n -, è svelto, pronto quanto un gatto.

iàtes (dì in -) loc., andare carpo­ni, striscian­do come gatti; pri­mo modo di incedere dei bambi­ni.

Iàu m., Giau, malga di S.

iàu¹ S., iòu, m., alveo, solco, vallone torrenti­zio (* vàntol). INVV., 1611, … giavo sive gei, sive vanto.

iavà tr. 1, cavare; ricavare; estrarre; avere soddi­sfazione. R., togliersi indumenti di dosso; privarsi di qualcosa per essere uti­le. - al pan de bocia, levarsi il pane di bocca. - argo, rica­vare qualcosa, denare, soddisfazione ecc. - dente, estrarre denti. - fora, estrarre da un buco. - su, estrarre dal terreno. No – nia, non aver avuto nulla e rimanere deluso.

iavàda (- des) f., carreggiata di montagna per carri carichi in discesa. (Il senso unico non è stato inventato da noi!).

iavasàngo * cavasàngo.

iavassùre m., cavatappi.

iavèl (- véi) m., gavello di ruo­ta. L à la ian­bes come i iavei de roda, detto di chi abbia le gambe storte.

iaveón (- veoi) m., solco profondo; strada impervia; uno dei simboli usati per fare la * nòda alle pe­core.

iàza f., ghiaccio.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati