Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 483


ma¹ avv., ma.

ma² ce mai loc., ma che dici mai; ma che mi racconti?

macà, da agg., ammaccato.

macàco (- che) m., macaco, detto di pers. stolta, sempliciotta, credulona.

macadùra (- res) f., ammaccatura; fitta.

macarón (f., a) m., ignorantone, sgarbato.

màchina (- nes) f., macchina, congegno. - da bate, trebbiatrice. - da carne, tritacarne. - da così, m. da cucire.

machinà o smachinà tr. 1, lavorare a mac­china.

màcia (- ces) f., macchia; detto di persona furba, astuta, esperta sia in lavoro che in affari.

macià tr. 1, macchiare; sporcare.

madàia (- ies) B.V., medàia, f., medaglia; ciondolo da catenella.

madèrla (- les) f., V., bataduói, m., manfa­no del correggiato.

maderlìn m., gombina del correggiato.

Madòna¹ f., Madonna. La – de agosto, l`As­sunta, Ferragosto. La – de dezenbre, l`Immacolata. La – de febraro, la Purificazione (* Can­delora). La - de marze, l`Annunciazione (* Al dì de la zento ainmaries). La – de otobre, M. del Rosario. La – de seten­bre, Natività della M., detta anche – dei montes, conclu­dendosi con tale festività la stagione dell`al­peggio per il be­stiame bovino.

madòna² (- nes) f., suocera; l`insieme degli elementi che formano l`intelaiatura che regge le stan­ghe del carro.

madònega (- ghes) f., eufem. per Madonna, usato nel­l`inter. orca o porca -, o nella loc. elo de chela madoneghes?, lett. sono di quelle madonne?

madorì S., madurì, intr. 3, maturare di frutta e prodotti agricoli; suppurare di piaga o ferita. R., ma­turarsi per esperienza, capaci­tà.

madrèla (- les) o madrevìda f., madrevite.

madrevìda * madrèla.

madurènza (- zes) f., suppurazione.

madurì (S.) * madorì.

madùro, a agg., maturo; abile, idoneo, esperto nel proprio lavo­ro.

maèstro (- stre) (f., a), m., agg., maestro, insegnante. Muro -, muro maestro. Roda maestra, ruo­ta motrice.

maéta Vin., ciàve del fùs, f., asola e per trasl. occhiello in metallo che si infila nell`asola dell`apposita asticciola, spostandolo via via per distribuire razio­nalmente il fila­to sul fuso.

màfia (- fies) f., mafia, eleganza ricercata, ostentata.

mafiós, sa agg., vanesio; vanitoso.

magadén (- nes) m., magazzino. Ghe n ai, B.V. ei an -, ne ho finché ne vuoi.

magàgna (- gnes) f., magagna; difetto; manchevolezza.

magàre o mangàre avv., magari. - nò, magari no, purtroppo!

magn๠tr. 1, mangiare, nutrire; dissipare ogni cosa; erodere il terreno di un corso d`acqua.

magnಠ(al -) m., il mangiare, il cibo che ci si accinge a consumare.

magnadóra (- res) f., mangiatoia; metaf., carica o incarico lucroso. I inpromete mari e monti par ruà ize la -, promettono mari e monti per arrivare nella pappatoria (poi chi s`è visto s`è visto).

magnón (- gnoi) m., mangione, avido di cibo; dissipatore.

magnucà o magnucolà tr. 1, mangiucchiare; spilluzzicare.

magnucolà * magnucà.

màgro, a agg., magro; esile; terreno sassoso, magro, arido. Magnà da -, pasto di magro.

magùia (- ies) f., capsula del papavero.

mài¹ B.V., mèi, avv., mai, giammai. No l é – da dì duto chel che se sà, non si deve mai dire tutto quello che si sa.

mài² B.V., méi, (- ies), m., maglio; martello a penna per battere la falce (* ancudinèla). - da zo­cia, m. fisso su apposito cavalletto. - da tèra, m. da piantare nel terreno.

màio m., maggio.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati