Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 483


mòda (- des) f., modo, maniera, L é duto che và a sta -, tutto va a questa maniera. Cé, B.V., cè mo­des elo?, che maniere sono?

móde B.V. mónde, tr. 2, mungere; spillare quattrini.

móe B.V. muóve, tr. 2, muovere, smuovere. Intr., nuoversi, spic­ciarsi; muovere gli arti: muo­versi, germogliare di piante. - n saco, m. un sacco. Al se -, si muo­ve. Moe­te, B.V. muovete, muoviti, spiccia­ti. I piere no s à ancora moesto, B.V. muovesto, le patate non si sono ancora mosse, non hanno ancora cominciato a mette­re il germoglio.

moichiluóghe (ìa, B.V., vìa par) loc., usata per espr. un viaggio in luogo lontano chissà quanto e chissà dove, quando uno parli insistentemente di voler an­darsene.

moimentà, da B.V., movimen­tà, agg., movimentato; animato.

moimento (- te) B.V., movi­mento, m., movimento, anima­zione.

mòla (- les) f., mola; macina del mulino; molla, susta.

molà tr. 1, mollare; lasciar anda­re; liberare; affilare, arrotare. Intr., desistere da un proposito. - la fedes, mandare le pecore al pa­scolo. Asto – la cordes? Hai molla­to le corde, hai liberato il carico dalla legatura? Mola ancora an tin, molla, allenta, lascia andare ancora un po`.

molesìn, a agg., molle; morbido, flessibile.

moléta¹ f., molla per il fuoco.

moléta² * gùa.

molidùra (- res) f., molenda, compenso al mugnaio.

molìn m., mulino. Dì a -, andare al mulino. RGSV, 1542, … ad molendina.

molinà tr. 1, pulire il grano ventilandolo con l`apposito utensile.

molinèl (- niei) o mulinèl m., arnese in legno con ventilatore azionato da manovella, con o senza volano, e un congegno che convoglia l`aria in basso, per mondare il grano dalla pula (i condizionatori d`aria non sono una novità!)

molizàsse (V.) * sbalinzà.

molìze, a agg., molle, morbido; mollica del pane.

mólo * molesìn.

moménto (- te) m., momento, attimo; breve spazio di tempo.

móna¹ f., genitale f.

móna² o monàci m., pers. di nessun conto, che non vale nulla.

monàda (- des) f., stupidaggine; quisquilia; scempiaggine; sbruffonata.

mondà tr. 1, mondare, pulire il grano.

mónde (B.V.) * móde.

móndo m., mondo; il nostro mondo. L é difizile stà a sto -, è difficile stare a questo mondo.Porco -; - la­dro, porco mondo; mondo ladro.

mónega f., moglie del sagrestano; monaca, suora; scaldino per il letto con carboni accesi.

monegarìa f., ufficio del sagrestano.

mónego (- ghe) m., sagrestano. ACC., 1791, … monachi vel nonzo­li.

montà tr. 1, montare un impianto, un congegno formato di vari elementi; montare la testa a qual­cuno. Intr., montare su un veico­lo; salire su mezzo di trasporto.

montadùra (- res) f., montatura, scheletratura; esagerazione, sulla importanza di qualcuno o di qualcosa.

mónte¹ (- tes) m., monte, montagna. Mandà duto a -, mandare a monte, mandare all`aria un pro­getto, un`attività in fase di studio o già in esecuzione.

mónte² m., patrimonio di consorzio regoliero sfruttato a pascolo e in parte a foraggio (* colonèl). Dì a -, andare, recarsi a lavorare in montagna; condurre il bestiame nelle malghe.

monteà intr. 1, monticare il be­stiame.

mòra¹ f., gioco della morra o motta.

mòra²(- res) f., mora, frutto del rovo di macchia (* brùssa de mò­res).

morbìn m., ruzzo, voglia di di­vertirsi, scherzare.

mòrde tr. 2, mordere; addenta­re.

morèr * brùssa de morèr.

morèto (- te) m., nigritella (Ni­gritella angustifolia).

morì intr. 3, morire. ANASV., 1615, … morse ieri.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Name


E-mail


Subscribe


Unsubscribe