Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 483


maridà tr. 1, maritare; dar marito; sposarsi.

marigànza o marighéza (- zes) f., ufficio del marico o marigo. RGSV., 1542, … facere debeat officium suum mariganzae.

marighéza * marigànza.

marìgna f., matrigna. La trata n fiol de mare e un da -, tratta in modo diverso i figli.

marìgo (- ghe) m., marico o marigo, capo di una Regola.

marmà, da agg., marmato, ghiaccio.

marmàia f., marmaglia; razzumaglia, accozzaglia di oggetti disparati.

màrmo (- me) m., marmo.

marmòta (- tes) f., marmotta.

marògna (- gnes) f. arc., muro a secco, trasl. cumulo, insieme disordinato di sassi; materiale di de­molizione. GLOS., 1752, … dopo aver alzata la comandata marogna; 1838, … dal confine territoriale, ossia col Comune di Ampezzo (Cortina) alla così det­tà marogna …

màrsa f., marcia, pus, materia suppurativa.

marsàngol (Can.) * cortelàze.

màrsc inter., marcia; vai via, levati dai piedi.

marsón (- soi) m., gobio o ghiozzo d`acqua dolce (Gobio fluviatilis) dai movimenti piuttosto lenti con testa e mascelle molto sviluppate; detto di pers. tarda, dura di comprendonio dai movimenti lenti e pe­santi.

martèl (- tiei) m., martello. - a pena, martello a penna per impiallacciare. - da segnà, martello per marcare legname con un verso a taglio per scortec­ciare e l`altro con testa a sigillo.

martelà tr. 1, martellare; marcare le piante da abbattere con ap­posito 4martello.

marteléto (- te) m., piccolo martello per mestieri delicati come orologiaio, orafo, filigranista ecc.

màrtes m., martedì.

martiridà o martoridà tr. 1, infastidire; molestare; tormentare; rendersi insopportabile.

martorèl (- riei) m., martora.

marzarìa (- ries) f., merceria, negozio di merceria.

màrze¹ m., marzo.

màrze² B.V. màrzo, a, agg., marcio; decomposto. - patoco, marcio del tutto, completamente marcio.

marzèr (f. a) merciaio. ACC., 1441, … Zaninus merzarius.

marzì, da agg., marcito, decomposto; del tutto guasto.

màrzo (B.V.) * màrze.

marzòla f., qualità di cereale seminato a marzo. Pasca -, Pasqua bassa.

marzùme m., o` marzumèra, f., marciume; putridume.

màs (- se) o màso m. arc., maso, mansio, area prativa privata adibita anche a pascolo con ri­covero. REVE, 1522, … providere de uno mancio pro ipso armento.

màs o méno agg., troppo o meno; più o meno.

masarié (- riés) m., macereto; terreno sassoso.

masariól m. arc., edificio, rifugio costruito nel maso. RGSV., 1635 … li passi del fondamento di detto masariol.

màschera (- res) S., màscra, f., maschera. Dì in -, mascherarsi.

màs-cia f., femmina; animale di sesso f.; incastro f.; tacca.

màs-cio m., maschio; animale di sesso m.; la par­te a incastro che penetra.

màscra (S.) * màschera.

màscui m. pl., bulloni che passano da parte a parte il castello dell`avantreno del carro; mortaretti per feste nuziali o avvenimenti eccezionali. ACC., 1647 … con scoppi di mascolini.

màsena (- nes) f., macina del mulino; quantità di grano che si porta a macinare di volta in volta.

masenà tr. 1, macinare; tritare carne; spendere molto denaro con troppa leggerezza.

masenìn m., macinino; detto di macchina o macchinario che non funzioni bene.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati