Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 483


mè² pron. mi, pron. atono di 1a pers. sing., usato anche in luogo del sé per la 1a pers. plur. nelle co­str. rifl. con gli aus., serv. e vb. n. in genere, in ogni modo e tempo. - faso, mi faccio. Che a nos – toce, che a noi tocchi. I – é capi­tade a l inproviso, mi sono o ci sono capi­tati all`improvviso (* méa).

méa¹ (mées) o mè agg., pron., mia. Te sos da la – parte oppure da la mè parte, sei dalla mia parte; mi dai ragione.

méa² cùlpa loc., mea culpa del Confiteor con cui si espr. con malcelato piacere il fallimento di una impresa per la quale ci si era già espressi sfavorevolmente: aibe golù così? -!

méda (- des) o mùssa f., mucchio, covone di fieno o legna non sufficiente per un carro (mùssa forse per: carico da somaro). A V. è detto inoltre così il legno infisso in terra che fa da catena, reggen­do il paiolo, nei fuochi da bivacco.

medacartùcia (- ces) f., mez­zacartuccia, nel linguggaio milita­re; pers. piccola, minuta, esile: delicata di salute.

medàia (B.V.) * madàia.

medalàna f., tessuto di mezzala­na.

medalùna f., mezzaluna; coltello a mezzaluna usato in cucina.

medàn, a agg., mediano; che sta in mezzo.

medanuóte loc., mezzanotte.

medarìa f., mezzadria.

méde tr. 2, mietere. - formento, orze, seala, m. frumento, orzo, segale.

medegà tr. 1, medicare.

mèdego (- ghe) m., medico. ACC., 1750, … dottore fisico.

medéna (- nes) f., tutto il fieno raccolto ammucchiato con ordine nel fienile come in una sorta di silo.

medesìna (- nes) f., medicina; medicamento.

medesinà tr. 1, somministrare medicinali. R., prendere medicinali.

medesinàl agg. n., medicinale; curativo.

medéte o medìna f., misura, recipiente capace di circa 2 litri. ACC., 1550, … metréta; 1565, … meti­da.

medìn m., ogg. che sta in mezzo; traversino in legno usato tra un vetro e l`altro nei telai delle finestre a incastro. A V., palo intorno al quale si fa la * méda, lasciandone scoperta una parte in alto. (M.M., stollo).

medìna * medéte.

mèdio m., dito medio.

mèdo¹, a agg., mezzo. Son dù do par -, ho attraversato a mezzo (un prato, un campo). L é senpre ize -, è sempre in mezzo. Vado par – de leie, vado per via legale.

mèdo² (- de) (f., a, es), m. o metà, f., metà. - goto de vin, m. bicchiere di vino. An – dì o na – dor­nada, m. giornata. Laurà a -, lavorare, coltivare a mezzadria. Divide do par -, dividere a m.

medodì loc., mezzogiorno.

medól o midól m., midollo. - d i os, m. osseo. Al – del len, m. di pianta legnosa.

medóra loc., mezzora.

mèi¹ (B.V.) * mài.

mèi² (B.V.) * mài.

méies¹ da cócia (V.) * mài.

méies¹ da tèra (V.) * mài.

mèla (- les) f., baccello dei legumi, sgranato; lama di attrezzi ed utensili taglienti. Arc., taglia ricavata da pianta secca in piedi. ACG., 1453, … et quolibet secca sive mella.

melàries (Vin.) * càrtes del miél.

mèles f. pl., piatto di fagiolini in insalata o` in altro modo.

mélma f., melma, fanghiglia; patina in bocca per cattiva digestione.

melonèra f., testa, senno, mente in senso metaf., usato soltanto nella loc. Dì ia, B.V. via co la -, di­menticare, cioè confondere, ri­spondere a sproposito, combinare qualche guaio per mancanza di ri­flessione; divagare; vaneggiare.

memòria (- ries) f., memoria; annotazione. Bona -, facilità nel ri­cordare. Inparà o dì su a -, impa­rare o recitare a memoria. - Tien -, tieni conto, annota.

menà tr. 1, menare; condurre; guidare. - l ciar, condurre, guidare il carro. - l ciaval, menare, condurre, guidare il cavallo. - l cu, sculet­tare, ancheggiare. - l fen, condur­re il fieno dal prato al fienile. - la vacia, condurre la mucca al ma­schio. - par al cu, prendere in giro.

menàda¹ (- des) f. arc., fluita­zione del legname, azione del flui­re.

menàda² (- des) f., combutta; trama; notizia vera o falsa fatta divulgare con secondo fine. L é duta na -!, è tutta una cosa già orchestrata!


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Name


E-mail


Subscribe


Unsubscribe