Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 483


menadàs m. arc., zattiere, addetto alla fluitazione.

ménbro m., alburno, strato novello di albero.

menèstra (- stres) o minèstra f., minestra in brodo. - da late, m. con latte. - de biedes, m. con bietola. - de bró de carne, m. in brodo. - de bise, m. di piselli. - de faes, B.V. faves, m. di fave. - de fasuoi, m. di fagioli. - de orze, m. d`orzo. - de zuchete, m. di zucchini.

menestrà tr. 1, scodellare la minestra; somministrare legnate.

menèstrego S. stonbolài, B. stonbolèi, m., sorbo selvatico (Sorbus aucuparia).

menèstro m., mestolo, ramaiolo.

menestrón (- stroi) m., minestrone di pasta, riso, fagioli e verdure.

Menìn (chi de) m., ultimo caseggiato di Chiapuzza (S.), ove sorgeva l`antichissima chiesa di S. Floria­no, distrutta durante la ritirata italiana del 1917, che ebbe nome da Menin (Domenico) Tamburin che vi abitava.

menóa f., ghiandola linfatica.

ménsola (- les) f., mensola; pezzo di legno squadrato che si mette su trave portante sotto la giuntu­ra.

ménte (- tes) f., mente; intelletto; intelligenza. Bona -, buona mente, intelligenza. Saé, B.V. savé a -, sapere a memoria.

mentón (- toi) m., mento.

méntre avv., mentre, intanto.

menùda (- des) f., minuta di lettere; cosa minuta; persona magra, segaligna.

menudarìa (- ries) f., minuteria, minutaglia, roba scarta o di scarso valore.

menùdo, a agg., minuto, minuscolo; esile, mingherlino. Par -, vendita al minuto, al dettaglio.

menùto (- te) o minùto m., mi­nuto di tempo. Ieno, B.V. vieno ize n -, vengo in un minuto, fra un minuto.

menùzola (- les) f., minuzzola, briciola.

menzonà tr. 1, menzionare, nominare. Sente n tin ci che l m à -!, senti un pochino che mi ha men­zionato!

mèo agg., meglio, migliore. Al và -, va meglio, va migliorando. L à fato del sò -, ha fatto del suo meglio.

meorà intr. 1, migliorare in salute; migliorare il proprio stato eco­nomico; migliorare del tempo.

meravéa * maravéa.

mèrcol S., mèrcui, m., mercoledì.

mèrcola inter., eufem. di merda. No l à capì na -, non ha capito una merda.

mèrcui (S.) * mèrcol.

mèrda (- des) merda (solo escrementi umani).

merità tr. 1, meritare.

mèrito (- te) m., merito. Se l é chel che l é, l é duto – sò, se è quello che è, è tutto merito suo.

mèrle * bèche.

mèrlo (- le) m., merlo, merletto; merlo, uccello del genere Merula; pers. sprovveduta, sempliciotta. - colarin, m. dal col­lare. - gris, m. dal colore grigio.

merlùzo (- ze) m., merluzzo. Oio de -, olio di fegato di merluzzo.

més m., mese. Al - de la Madona, mese di maggio.

mésa f., scorta di viveri.

méscol (- scoi) S., méscul, m., mestolo di legno a cucchiaio usato a rimestare, mescolare.

méscola (- les) f., mescola per rimestare la polenta; matterello per spianare la pasta. Guesse che vade se nò la femena dora la -, è necessario, occor­re, bisogna che vada altrimenti la moglie usa il me­stolo.

méssa (- ses) f., messa. - bassa o s-ceta, m. letta (INVV., 1684, et una schieta). - ciantada, m. canta­ta (INVV., 1611, … unam missam solemnem canat; … una cum orgono). - granda, m. della domenica e festività religiose. - da morto, m. funebre, di deposizione, di anniversario. - in terzo, m. solenne con tre sacerdoti, celebrante, diacono e suddiacono. - roès­sa, m. del Venerdì Santo che nel canone di prima, seguiva un diverso procedimento.

messaiéra f. arc., messaggera, diligenza.

messed๠(- das) m., miscuglio di vari foraggi; caosa di oggetti diversi. Asto fato l -?, hai fatto, preparato il foraggio? L é duto n -, è tutto un miscuglio, una confusione.

messedಠtr. 1, mescolare, rimestare; mettere a soqquadro. R., dimenarsi, agitarsi; darsi da fare (V., * smessedà).

messedón (- doi) m., trafficone, filibustiere.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati