Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 151


ó! inter., comando al cavallo di fermarsi; espr. senso di meraviglia, sdegno, ribrezzo, vergogna (* è!).

o pp., o, disgiuntiva. – doi – tre – nia, o due o tre o niente.

obedì o ubidì tr. 3, ubbidire.

obediènte o ubidiènte agg. n., ubbidiente.

obediènza o ubidiènza f., ubbidienza.

obligà tr. 1, obbligare, costringere. R., obbli­garsi assumendo impegni.

obligaziόn (-nes) f., obbligazione; debito, impegno; gratitudine.

òbligo (-ghe) m., obbligo, costrizione, impe­gno, debito.

òca (-ches) f., oca; detto di pers. tonta, ottu­sa.

ocasiόn (-nes) f., occasione, circostanza.

ocèl (-ciéi) m., occhiello, asola.

ociàda (-des) f., occhiata; sbirciata; occhiata da persona esperta. Dài na -, dare una occhiata, una guardatina.

ociài Vin., arc., lustruόses, m. pl, occhiali.

ocialìn agg., dente canino.

òcio m., occhio, usato per esortare l’attenzione; invitare a stare in guardia; usare precauzione. Bater d -, batter d’occhio.

ocόre intr. 2, vb. serv., occorrere; esser necessario, abbisognare.

odià tr. 1, odiare; malvolere; covare risentimento.

òdio m., odio; rancore; ostilità.

odiόs, sa agg., odioso; vendicativo.

oè! inter., voce usata in varie occa­sioni: saluto; sorpresa, biasimo.

ofènde tr. 2, offendere, ingiuriare.

ofèrta (-tes) f., obolo dato in chie­sa. Dì a sturtà su l -, raccogliere le of­ferte in chiesa.

ofésa (-ses) f., offesa, ingiuria, insolenza.

ofìze o ufìze m., ufficio; ufficio liturgico. – da morto, u. funebre.

ofiziàl (- ziài) o ufiziàl m., ufficia­le, grado militare; detto anche dell’esattore – pagador. Arc., - de curia o gover­nator, capo di Centuria (attuale sinda­co).

ofiziatùra (-res) o ufiziatùra f., officiatura in suffragio di defunto.

ofrì tr. 3, offrire; donare.

ògni agg. n., ogni; qualunque.

ognidì loc., ogni giorno; tutti i gior­ni; giornaliero.

ogniùn (f., a) pron., ognuno; ciascuno.

òi! inter., ahi!

òio (òie) m., olio. – comun, o. d’oli­va. – de canego, o. di canape o lino da bruciare. – de comedon, o. di go­mito (scherz.). – de mandola, o. di mandorle (purgativo, rinfrescante). – de mer­luze, o. di fegato di merluzzo. – de ri­zeno, o. di ricino. – santo, o. per l’e­strema unzione. I g à dà i oie sante, gli hanno dato l’estrema unzione.

oiùto inter., aiuto! Voce con cui si espr. un sen­so di dolore o di grave disagio ma anche di sor­presa, gioia, stupore o meraviglia come ad es.: - ce bel, com’è bello! – ce che te me dìs, mi sor­prende mi fa meraviglia ciò che mi dici. – chi, S., ci che se vede, guarda chi si vede; che gioia ri­vederti, ecc.

olpìn, a B.V.,volpìn, agg., cane volpino.

óltre avv., oltre; al di là.

ométo (te) o pùpo m., ometto o monaco, tra­ve corta retta dai saettoni che nella intelaiatura dei tetti a capanna regge a sua volta il colmo.

òn (-min) m., uomo; marito. L é n – da poco, B.V., puόco, è un uomo da poco. Al mè -, mio marito.

onbrà intr. 1, adombrarsi, insospettirsi; spaventarsi del cavallo per un nonnulla.

onbrèla (-les) f., ombrello.

onbrelèr m., ombrellaio ambulante che vende­va o riparava gli ombrelli.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati