Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 169


vècio¹ (-ce) (f., a), m., vecchio, anziano.

vècio² m., piccolo cavalletto posto sotto l’ara­tro per evitarne l’usura nel trainarlo per raggiung­ere il terreno da arare o viceversa.

vècio³, a agg., vecchio; antico.

véde tr. 2, vedere; distinguere; trovare il modo per risolvere una questione. Bisogna – se se puó, bisogna vedere se si può. Stà a – se l è vero, sta a vedere se è vero.

vedèl (-diéi) m., vitello; detto di pers. giovane per lo più, villana, rozza. RGSV., 1571, li vedoli, 1765, … e fedel conto delli vedoli e delli animali.

vedolà tr.1, dar la pastura al bestiame. Arc., somministrare la pastura ai vitelli.

vedovànza f., vedovanza.

vedovèla f., viola tricolore o suocera e nuora (Viola tricolor).

véduo (f., a) m., vedovo.

vèlma (V.) * èlma.

velozìpide m., arc., bicicletta.

veludìn (V.) * pansé.

véna¹ f., avena (Avena sativa).

véna² S., venàza, f., avena selvatica (Ave­na fatua).

véna³ (-nes) f., vena, arteria. Na – de mato, persona estrosa, originale. Esse de -, essere in vena; avere il momento propizio.

Venàs m., Venas di Valle di Cadore.

venàza (S.) * véna.

véncio (-ce) o vénco (-ce) m., vimine (Salix vicinali).

vénco * véncio.

vènde tr. 2, vendere, commerciare.

vendémia f., raccolto abbondante.

vendicà tr. 1, vendicare; far vendetta.

véndre m., venerdì. – de passion, il v. della settimana che precede quella di Pasqua. – de marze, v. del mese di marzo, alla sera di ognu­no dei quali si recitava la Via crucis. – Santo, v. della settimana di Pasqua.

Venèzia f., Venezia.

veneziàn, a agg., veneziano.

ventà intr. 1, ventare, spirare del vento.

vènto (-te) m., vento. – bon, v. del tempo che si mantiene buono. – da guergno, v. da burrascoso. – dirlo o ghirlo, v. tumultuoso.

vèntola (-les) f., ventola per vari usi; spannatoio per grano; paletta di ruota venti­lante; ter­reno configurato a ventola.

ventós, sa agg, ventoso, luogo esposto al vento.

ventùra f., caso, coincidenza.

vénze S., vinze, tr.2, vincere; prevalere su al­tro o altri.

verànda (-des) f., veranda; ballatoio con veranda.

verbuncàro (V.) * Berbuncàro.

vérde agg., color verde; detto di fieno o legna non del tutto secca e di frutta o verdura non ancora matura.

vères (dì da chi -) loc., andare da quella par­te; seguire una direzione, un verso; andare con sign. di non impicciarsi, non darsi pena, non dare importanza, valore a un fatto, circostanza, proposito, iniziativa od altro, usato anche come disapprovazione: sosto dù a vede ce che i fas? Ió? No vado gnanche da chi -!, sei stato a vedere cosa fanno? Io? Non me ne importa nulla, non ci penso nemmeno, ecc.

vergognà (B.V.) * vargognà.

vergògna (B.V.) * vargògna.

vèrmo (V.) * èrmo.

vernìs (-ses) f., vernice.

vernisà tr. 1, verniciare, laccare.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Name


E-mail


Subscribe


Unsubscribe