Dizionario Ladino d'Oltrechiusa - Italiano   inizio

 

Totale lemmi: 195


zacò o zacarón (f., a) m., pers. impacciata, indecisa, insicura.

zacòrgna o zacògna f, arc., regalo di nozze. ACC., 1496, non fare grande spesa di zarchogne.

zàina (-nes) f., gran quantità. Al ghe n à na -, ne ha una dose (di roba, male, pensieri).

zalà tr. 1, temperare metalli.

zalìn m., acciaino per affilare.

zamòro m., cimurro.

zanbèl m., arc. rastrelliera; imbrigliatura.

zànca (-ches) f., manovella del trapano a mano (*manéza).

zancanèr (f., a) m., detto di pers. introversa, scontrosa, contrastante; mancino.

zància (-ces) f., mano sin.

zanco, a agg., mancino, ambidestro. Pè -, piede sin. Co ocore no l é -, quando occorre non è mancino, detto di chi al momento opportuno sa fare i fatti suoi.

zanpedòn m., bigollo o bicollo che serve a portare due secchi a spalla; detto di persona insicura sulle gambe, facile a incespicare. An col de aga, portare un bigollo con 2 secchi d’acqua.

zanpedonà intr. 1, incespicare, intruppare.

zanpegòto (te) m., sentiero sulla neve fatto di orme.

zapà intr. 1, posare il piede o i piedi incidentalmente in acqua, fango, erba, neve ecc. – ize chela de mazarguó (*mazarguó). - sora, pestare un piede, un callo.

zapegà o zapolà intr. 1, pesticciare, camminare rumorosamente.

zapèl (-piéi) m., tratto di strada erta, ripida; gradino naturale di terra.

zapìn m., sorta di zappa in ferro a punta adunca usato per trascinare, spostare le taglie.

zapinà tr. 1, usare, piantare lo *zapin.

zapinàda (-des) f., colpo dato col *zapìn.

zàpola (-les) f., orma su neve o terreno; nicchia che consente di posare il piede su roccia.

zapolà * zapegà.

zapotón (f., a) m., pers. rumorosa nel camminare, che urta sedie, tavoli e quant’altro trovi.

zarcògna * zacòrgna.

zariésa¹ (-ses) f., ciliegia (Cerasus). ACG., 1499, zeresa.

zariésa² salvàrga f., pianta del ciliegio selvatico, ciliegio d’alpe, gisilostio (Lonicera xylosteum).

zariesèr (-res) m., ciliegio (Cerasus)., INVE., 1670, …alcune ceresere.

zàrpa f., vinaccioli.

zarpì tr. 1, sbioccolare lana, stoppa.

zàta (-tes) f., zampa; antica misura per cereali; zattera.

zatàda (-des) f., zampata.

zavarià intr., essere deliranti, vaneggiare; essere preoccupati per qualcosa di grave; farneticare. No stà a -, non ti preoccupare. No zavario, non mi do penqa, non mi preoccupo.

zavàta (-tes) f., ciabatta; pantofola; pedale del filatoio.

zavatà intr. 1, ciabattare, lavorare male.

zavàtes de la Madona (B.) * scarpéte de la Madòna.

zavàto (-te) m., fringuello.

zavatón (f., a) m., ciabattone; guastamestieri.

zéca (S.) * ciaurìn.

zechìn (oro de -) loc., oro puro, di zecca, detto di qualsiasi ogg. nuovo o rimesso a nuovo.

zècola (-les) V., zèrcola, f., ritaglio, striscia di tessuto; ritaglio di sfoglia.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati