Dizionario Italiano - Ladino Selvano       inizio

 

Totale lemmi: 303


lunatico lunatego m. agg.

lunedì lunes m.; lunes de Pasca, lunedì dell’Angelo, pasquetta; esse da lunes, essere stanchi e svogliati per gli strapazzi della domenica; luni m. rec.

lungagnata tribia f. discorso tedioso; chela la é na tribia, quella tira per le lunghe, nel parlare, nel lavoro; sonica f. discorso tedioso.

lungamente inlonch avv.; l a ragionà inlonch, ha parlato lungamente; ani anorum loc avv. per un tempo lunghissimo, interminabile.

lunghezza longeza, longheza f.

lungo lonch m. agg. (f. longia); dal lonch, per il lungo; dal lonch e dal larch, per il lungo e per il largo; no và via tant inlonch, non passerà lungo tempo; l é stat via inlonch, è stato via a lungo; l é lonch e grant, è lungo e grande (di statura); lonch come l an de la fam, lungo come l’anno della fame; l à le magn massa longe, allunga troppo le mani; l é lonch de man, allunga le mani, rubacchia; longia f., nella loc. a la longia, a le longe, alle lunghe, a lungo andare; stà via a le longe, stare assenti per molto tempo; no và via a le longe, non passerà molto tempo; a la pi longia, alla più lunga, al più tardi; la tegnì longia, tenerla lunga; la saè longia, saperla lunga; dì a la longia, seguire la strada più lunga; par tant temp a la longia, per un tempo molto lungo; tirà m. agg.

luogo luoch m.; in calche luoch, in qualche luogo; in pi luoch, in più luoghi; no ài luoch, non ho luogo; na spala fuora de luoch, una spalla slogata; mete le robe a sa luoch, mettere le cose al proprio luogo; no l ven mai da luoch, non torna mai a casa; luoga f.; na spala fuora de luoga, una spalla fuori di posto; posto m.; invalgo avv. da qualche parte, in qualche luogo; valgo avv. in qualche luogo, da qualche parte; 1 é poben invalgó, in qualche luogo si trova senz’altro; valgo auter, valgó de auter, in qualche altro luogo; nossaul avv. in qualche luogo, da qualche parte.

lupinella fior de San Piero m. bot. sanofieno (Onobrychis sativa Lam.).

lupino lupin m. agg. (p1.-ign), in genere in unione con cien: cien lupin, cane lupo.

lupo lof m. zool.; pv. intant che se dis, l lof comparis; can che se descor del 1of l rua, quando si parla del lupo, arriva; magnà come n lof, mangiare come un lupo; piante dal 1of f. p1. bot. piante velenose o cattive in genere; lupa f. zool.; te magne come na lupa, mangi come una lupa; lupo m.

lurido sloz m. agg.

lusingare gondolà vb. tr. persuadere lusingando; le fermene gondolea via l om fin che basta, le mogli a lungo andare inducono i mariti a fare tutto quello che esse vogliono.

lussare se desambolà vb. rifl.; desgalonà vb. tr. slogare; più spesso rifl.: se desgalonà, slombarsi, provocarsi una lussazione alle anche, ai fianchi; na vacia desgalonada, una vacca slombata.

lussato desambolà m. agg.; m ài desambolà la canogia, ho avuto una lussazione al polso; desgalonà p.p. m. agg. (p1. -ai, f.-ada) direnato nel­’anca, in un fianco.

lussatura desambolada f.; ài ciapà na desambolada a la schina, mi sono slombato la schiena.

lusso lusso m.

lussuoso de lusso loc. aggettivale.

lussureggiare smorbidà vb. intr. bot. avere una vegetazione molto rigogliosa, eccessiva; na pianta che smorbidea forte, una pianta che ha un forte rigoglio.

lustrare lustrà vb. tr.lustrascarpe lustrin m. mest. lustrascarpe da calzolaio.

lustrino lustrin m. mest.

lustro luster m. agg. (f. lustra).

luterano luteran m. agg. (p1.-agn).

lutto luto m.; portà l luto, vestire da lutto; fassa da luto, fascetta di lutto portata dagli uomini al braccio; despiazer m., nella loc. portà despiazer, portare il lutto.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati