Dizionario Italiano - Ladino Selvano       inizio

 

Totale lemmi: 780


pitale bocal m. (p1. -ai).

pittima pitima f.

pittore pitor m.

pittura pitura f.; piturada f.; inco­lorida f.

pitturare piturà vb. tr.

pitturata piturada f.

più pi avv. agg.; al pi, al più; de pi, di più; damene de pi, dammene di più; l de pi, il di più; inpì, in pi, in più; dutalpì, dut al pi, tutt’al più; dal pi al manco, dal più al meno; de pi o de manco, di più o di meno; perdepì, per de pi, per di più; pidedùt, pi de dut, pichedut, pi che dut, più di tutto; pichessie, pi che sie, picheauter, pi che auter, più che altro; l é pi laor, è più lavoro; n é de pi sort, ce n’è di più specie. Cong. alpiché, al pi che, a meno che; al pi che l no sie malà, a meno che non sia malato;l pi m. sost. il più.

piuma piuma f.; ledier come na piuma, leggero come una piuma; piume del gial da mont, piume del gallo di monte con cui un tempo si adornavano i cappelli; let de piuma, materasso di piume; piuma de struzo negra, piuma di struzzo per i cappelli da donna; pena f.

piumino piumin m. (p1. -ign) piumino da letto.

piuttosto pitost avv.; pitost che nia, piuttosto che niente.

piva piva f.; mete le pive inte sach, mettere le pive nel sacco:

piviale pivial m.(pl.-ai).

pizzicare pizigà, spizigà vb. tr.; becà vb. tr. pizzicare al gusto; peperogn che beca, peperoni che pizzicano; inzende vb. intr. (inzent, p.p. inzendù); inzende come l venz, sapere di amaro come il vimine.

pizzico piziada f.; na piziada de sal, un pizzico di sale; piz m.; presa f.; na presa de tabach, una presa di tabacco da fiuto; na presa de sal, un pizzico di sale.

pizzicotto spizegon, spizigon m. (p1.-ogn); spizigada f.

pizzo moscheta f.; zipole f. p1.

placenta scura f. zool. placenta degli animali, in genere delle vacche; se scurà, liberarsi della placenta; sporch m. zool. placenta degli animali.

plaf plaf voce imitante il rumore di oggetto che cade.

plenilunio colm de luna m. luna piena.

pleurite pleure f.; l s à fat na pleure, ha avuto la pleurite.

po’ s-ciant m. pron. indef. avv. piccola quantità, alquanto; damene n s-ciant, dammene un po’; l é n s-ciant gros, è un po’ grosso; dimin. s-ciantin, s-ciantenin; s-cianta f. pron. indef. avv. piccola quantità; speta na s-cianta, aspetta un po’; na s-cianta de pan, un po’ di pane; bocia f.; na bocia de aiva, un po’ di acqua; fià m. pron. indef. piccola quantità; tratto di tempo; n bon fià, un bel po’, parecchio, assai; speta n fià, aspetta un po’.

pocanzi ignant avv. poco fa.

pochetto n fià puoch m. agg. avv.; pochet m. agg. avv.

poco puoch m. agg. (p1. puoiz, f. puocia); da puoch, da poco; a puoch a puoch, a poco a poco; puoch daré, poco dopo; puoch e nia, poco e niente; dacà n puoch, tra poco, dopo poco; la é da puoch, è una donna da poco; n puoiz, alcuni, un certo numero; à mancià puoch, è mancato poco; l é suzedù da puoch, è successo poco tempo fa; fià pron. indef. avv., piccola quantità; n fià, un po’; dacà n fià, tra un po’; n fià pi n fià manco, un po’ più un po’ meno; speta n fià, aspetta un po’; n bon fià, un bel po’, assai, parecchio; n fià puoch m. agg. avv. pochino; cong. n fià che, un po’ che; fiatenin pron. indef. avv. piccola quantità; n fiatenin, un po’, un pochino; fiatin pron. indef. avv. piccola quantità (n fiatin); idea f.; na idea, un’idea; un tantino, un pochino, una misura minima; pochet m. agg. avv. pochino; s-ciant, s-cianta con funzione di sostantivo; na -scianta de formai, un poco di formaggio; s-ciantenin, n s-ciantin m. pron. indef. avv. piccola quantità; domino nostro m., nella loc. par n domino nostro, per poco o niente, per un prezzo infimo.

podere luoch m.; mas m. agr. appezzamento di terreno; cesura f.; cesureta f. agr. piccolo podere.

poffardio pofardio m.

poggia! pogia voce con cui si ordina al cavallo di spostare un piede (probab. imperat. di poggiare).

poggiolo peduol m. (pl. -oi); fuora par peduol, nel poggiolo; soler m.

poi indaspò, daspò avv.; dapò che avv.; a dapò, a poi, a più tardi; debota avv.; sarevede a debota, arrivederci a poi, a più tardi; tarz o debota, prima o poi, presto o tardi; intrachè, in tra che cong. un po’ che; colé loc. avv. poi, quando sarà il momento; po’ avv. col signif. quasi dileguato; è usato come riempitivo o rafforzativo in varie loc.: te vede po, vedrai poi; l é po da vede, è poi da vedersi; no l à po pi dit nia, non ha poi più detto niente; te podee po tornà pi bonora, potevi tornare prima; si po, ma sì; no po, ma no; escl. po mostro! po cie, po cie po, cie po, ma sì, che cosa vuoi, è così; po vedarai, vedrò insomma; poben, po ben, allora, dunque; po ben, dezidete, su, allora, deciditi.

poiana poiana f. zool. (Falco vulgarisL).

poiché adaché, adà che cong.; daché, da che cong.; parcie che cong. per il fatto che; l é dut inte let parcie che l é strach, è andato a letto perché è stanco; parviaché, par via che cong. per via che; stante che cong. poiché, stante che, dal momento che.

polemica polemica f.

polemico sofìstico m. agg.

polenta polenta f. cul.; polenta frita, polenta messa ad arrostire sulla lastra della cucina economica; polenta conzada, polenta tagliata a pezzetti e condita con panna e polvere di ca­nella; magnà polenta con na man sola, mangiare polenta con una mano sola, cioè senza companatico.

polifagia mal de la lupa m.

poligala scarpe de la madona f. p1. bot (Poligala chamaebuxus L).

polipo polpo m.

politica politica f.

poliziotto sbiro m.; gendarmo m.

polka polca f.tipo di danza.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Name


E-mail


Subscribe


Unsubscribe