Dizionario Italiano - Ladino Selvano       inizio

 

Totale lemmi: 780


parapetto spaltada f. parapetto del poggiolo.

parapiglia rebalton m.

parata parada, parata f., nella loc. vede la mala parada, vedere la mala parata.

paratoia aussera f., usset (Pescul) m. mest. seracinesca del mulino.

paravento paravent m.

parecchio tant avv.; n bon fià loc. avv.

pareggiare impatà vb. tr.; svalivà, svalivà via vb. tr.; svalivà l curam, ritagliare del cuoio per pareggiarne le parti; svalivà l ciemp, distendere la terra del campo in modo uniforme; svalivà n sfuoi, distendere ed uniformare un foglio.

parente parent m. (p1. -enc); parenc strenc, parenti stretti.

parentela parentela f.; fà parentela, fare parentela.

parere par vb. intr. (me par, te par, ghe par, ne par, ve par, ghe par, p.p. parù) mi pare, ti pare, ecc., non c’è inf.; impers. par, pare, sembra; par che I sie malà, pare che sia malato; l m à parù pitost trist, mi è sembrato piuttosto malandato in salute; degli altri tempi si usa l’imperf., l’imperf. cong. e il condiz.: (me) parea, (me) paresse, (me) pararae; someà vb. intr.; l ghe somea dut a sa nono, pare tutto suo nonno; somea che l no torne pi, pare che non torni più; l somea mat, pare matto.

parete parei m.; trameda, tramedera f. parete di separazione.

pari pata f.; fai pata, pareggiare.

parimenti parom avv. per ciascuno, per ognuno; tolevene un parom, prendetevene uno per ciascuno; i é dui n viaz parom, sono andati una volta ciascuno; grazie tant parom, grazie parimenti.

parlantina baderla f.; batola f.; par­lantina f.; polegana f. arte di saper parlare.

parlare ragionà vb. intr.; descore vb. intr.; parlà vb. intr.

parlata descoresta f.; aon fat na descoresta; descore m. idioma; ragionada f.

parlottare batolà vb. intr., detto dei bambini quando pronunciano le prime parole; gaiolà vb. intr.

parola parola f.; no bate parola, non dire una parola; dent de parola, gente di parola; ciapà in parola, prendere in parola; passà na parola, passare una parola; ghe mancia domai la parola, gli manca solo la parola (parlando di un animale); accr. spreg. parolaze.

parroco prèe, preve (Pescul) m.

parte part f. (p1. parc); stà a la part, partecipare, contribuire; part de legne, quota annuale di combustibile assegnata dalle Regole o dal Comune; banda f.; da ce banda vegneto, da che parte vieni; no l rua pi da la banda, non si fa più rivedere, non ricompare più; se mete valch da na banda mettersi quc. da parte; dì da na banda, se tirà da na banda, andare da una parte (anche per necessità corporali); da banda de mo pare, da parte di mio padre; da banda da inte, verso l’interno; da banda de fuora, verso l’esterno; da banda de ca, più in qua; da banda de là, dall’altra parte; da banda de sora, dalla parte più alta, dalla parte superiore; da banda de sot, dalla parte più bassa, dalla parte inferiore. Anche da banda du, da banda via, in fianco, a lato, dal basso verso l’alto, dall’alto verso il basso o in senso orizzontale; vers m.; negó avv. da nessuna parte; nossaul avv. in qualche luogo, da qualche parte; valgó avv. in qualche luogo, da qualche parte; anche in valgó, invalgó; l é poben invalgó, da qualche parte si trova senz’altro; valgó auter, valgó de auter, in qualche altro luogo.

partecipare tole part vb. intr.; concore vb. intr.

particola particola f.

particolarmente massima avv. in particolar modo; massima ti, tu in particolare; zis avv.; ben zis, del tutto; l é zis catif è particolarmente cattivo.

partire partì vb. intr.; caminà vb. intr. andar via.

partita 1 partida f.; partida a carte, partita a carte; scarto m. partita a carte.

partita 2 partida f. quantità di merce oggetto di transazione commerciale (na partida de legnam).

parto part m. (p1. parc); femena de part, donna di parto, partoriente; la é morta de part, è morta di parto; parto m.

partorire partorì vb. intr.; I mal da partorì 1 é n mal desmentios, il male del partorire si dimentica facilmente; fai vb. tr.

pascersi se passudà vb. rifl., detto degli animali; menà le vace a se passudà, condurre le vacche a pascersi; bestiam passudà, vace passudade, be­stiame pasciuto, vacche pasciute.

pasciuto passù p.p. m. agg. (p1. -ui, f.-uda); passù come n och, pasciuto come un’oca; sgionf m. agg.

pascolare pascolà vb. tr.; i à pascolà su dut, hanno consumato tutta l’erba facendo pascolare il bestiame; inerbà vb. tr. condurre il bestiame al pascolo all’inizio della stagione (specie i vitelli) perché si abitui a camminare e a mangiare erba.

pascolo pascol m. (p1. -oi, -ui); mont f. (p1. -); dì a paster su le mont, andare al pascolo sulle malghe; sa mont, in montagna, sui pascoli della montagna alta; pastura f.; su la pastura, sul pascolo; prandera f. pascolo di una giornata per le mandrie, pascoli per le mucche; la prandera de le Sale, il pascolo de Le Sale.

Pasqua Pasca f.; uof da Pasca, uova pasquali; dì a tole Pasca, fare Pasqua; lunes de Pasca, lunedì di Pasqua; pv. Pasca marzuola, Pasqua marzolina; Pasca e Nadal a cianal, Pasqua e Natale alla greppia (a Pasqua e a Natale si deve pranzare a casa propria).

passa passa avv.; zent e passa, cento e passa.

passaggio viaz m. agr. passaggio erboso su fianchi rocciosi; canesela f. passaggio stretto; locia f. passaggio nella siepe; passada f.; l fà na passada, fa una passata, è una pioggia di breve durata.

passamano passaman m.; balzana f.

passamontagna regere f. p1. indumento di lana per coprire le orecchie.

passare passà vb. tr.; passà via, sorpassare; passà l aiva, passare l’acqua; l passa da chelautra, oltrepassa i limiti della ragionevolezza; dì via vb. intr.; l é dut via na stemana, è passata una settimana; parà fuora vb, tr.; parà fuora l invern, passare l’inverno.

passatempo passatemp m.

passato passà p.p. m. agg. (p1. -ai, f.-ada); l an passà, l’anno passato; l é ora passada, è ora passata.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Name


E-mail


Subscribe


Unsubscribe