Dizionario Italiano - Ladino Selvano       inizio

 

Totale lemmi: 780


patto pato m.; a pato che, a patto che; par duc i pati, a tutti i costi, per nessun motivo; no l à volù dì par duc i pati, non è voluto andare per nessun motivo; se la tole a pati, prendersela a patti.

pattuire patuì vb. tr.

pattume patuz m.; ciauz m.; mandra f.; nic m. pattume che si scopa dalle stanze; patuzarìa f. cose di nessun valore; scoadure f. p1.

pattumiera scuazera, scoazera f.

paura paora, pauora (Pescul) f.; ài paora che, ho paura che, temo che; scagaita f.; spagheto m. gerg.; ciapà n bon spagheto, prendere un grande spavento; spasemada f.; treca f. gerg.

pauroso spauros, spauroso m. agg. (f.-osa); spavio m. agg. (f. spavia); vardà spavio, avere l’aria smarrita, spaventata; sprigolon m. agg. (p1. -ogn) facilmente spaventabile; sprigolent m. agg. (p1. – enc) (animale, bambino, persona) che si spaventa facilmente; sprigolos m. agg. (f. -osa) facilmente spaventabile.

pavimento font m. (p1. fonc); senza font, senza limiti, specie nel mangiare; pianize m. pavimento grezzo di assi o di travicelli accostati e non squadrati; ruà su le pianize, arrivare sul pavimento del fienile (non avere più fieno); somassa f. pavimento di materiali inerti.

pavone paon, pavon m. (p1. -ogn).

pazientare pazientà vb. intr.

pazienza pasienza, pazienza f.

pazzerello matarana m.; matecol m. agg. (p1. -oi); maturlo m. agg.; stampion m. (p1. – ogn) bambino irri­flessivo; tech m. agg. gerg.; trululù m.; zul m. agg. (p1. zui).

pazzo mat m. agg. (p1. mac).pazzoide matecol m. agg. (p1. -oi); maternatico m. agg.; strambera m. gerg.

peccare pecà vb. intr.; se peca pi par l mal dì che par l mal fà, si pecca più per il mal dire che per il mal fare (le parole fanno più male delle azioni).

peccato pecà m.; l é pecà, è un peccato; l me fà pecà, mi fa pena; l é da fà pecà, è da compiangere; le pecà mortal, è un gran guaio, è un peccato mortale.

peccatore pecador m.

pece pegola f.; arde come la pegola, bruciare come la pece.

pecora biesa f. zool.; dì co le biese, fare il pastore delle pecore; feda f. zool.; caracul f. zool. (pecora) caracul di cui in altri tempi si tentò l’allevamento con qualche successo.

pecoraio grier m. custode delle pecore, aiutante del custode delle pecore; chel là no 1 é da mete gnanca grier, quello lì non si può mettere nemmeno aiutante del pastore (detto di un fannullone); pegorer m.

pedalare pedalà vb. intr.

pedale chiercola f.; p1. le chiercole pedali del telaio da tessitore; pedal m. (p1. -ai).

pedante piatola f. e m.; meleca m. agg. sost.; piatolon m. agg. (p1. -ogn).

pedata pedada f.; peca f.; tole su le peche de valgugn, assumere e applicare gli insegnamenti di qu.; pedia f.; l à tot su le pedie de sa pare, ha assunto le pedate, il modo di comportarsi, di suo padre; pedota f.; tole su le pedote de valgugn, assumere e applicare gli insegnamenti di qu.; spedazada f.; spedazon m. (p1. -ogn); g ai cazà n spe­dazon, gli ho lasciato andare una pedata.

peggio pèdo avv.; vosto sentì pedo, vuoi saperla tutta; fai a la pedo, fare alla peggio; valch manco pedo, un po’ meno peggio; de mal in pedo, di male in peggio.

peggiorare dì pedo vb. intr.

peggiore pèdo m. agg.

pegno pegno m.; mete pegno, mettere un pegno.

pelame pelam m. inv. pelo degli animali.

pelare pelà vb. tr.; pelà le patate, sbucciare le patate; agr. pelà fuoia, staccare le foglie dei frassini per darle al bestiame.

pelata pelada f.; ghe dà na pelada a n pra, tagliare l’erba di un prato fino alle radici.

pelato pelà p.p. m. agg. (p1. -ai, f.-ada).

pellaccia pelegate f. p1. ritagli della carne; sbetega f.; sbrindole f. p1. rifi­lature della carne; slambrice f. pl. pellacce della carne.

pelle pel f. (p1. -); i te tol la pel, ti levano la pelle; pel e os, pelle e ossa; pel de pita, pelle d’oca; gerg. dontà la pel, rimetterci la pelle; pel conzada, pel cruda, pelle conciata, pelle cruda; pelesina f.

Pellegrino Pelegrìn n.p.

pelliccia peliza f.; se fà na bona peliza, farsi una buona pelliccia (fare il proprio tornaconto, guadagnare, ar­ricchire).

pellicina pelesina f.

pellicola pelesina f.; pel del vuof f. pellicola dell’uovo; l à fat l vuof co la pel, la gallina ha fatto l’uovo con la sola pellicola; rena f. pellicola dell’uovo; vuof co la rena, uovo senza guscio, con la sola pellicola.

Pelmo Pelf n.l.

pelo pel m. (p1. pei); de prim pel, di primo pelo, molto giovane; n pel de fen, una minuscola quantità di fieno; peluch m.; pelam m. pelo degli animali.

peloso pelos, peloso m. agg. (f. -osa); s-ciavin m. agg. zool. (animale) col pelo lungo; ciaura s-ciavina, capra dal pelo lungo.

peluria peluf m. peli sparsi; peluch m.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Name


E-mail


Subscribe


Unsubscribe