Dizionario Italiano - Ladino Selvano       inizio

 

Totale lemmi: 780


pertica pertega f. agr. misura di superficie; persoi m. agr. perticone, stanga che comprime il fieno sul caro; ghe dà inte al persoi, battere il persoi il quale va appunto battuto con un mazzuolo dalla parte posteriore affinchè si disponga nell’esatta metà del carro e pressi bene il fieno.

pervenire pervegnì, pervenì vb. intr. (pervegne, pervegne, perven, p.p. pervegnì).

pesa pesa f., anche pesa pubblica per pesare bestiame o altro ( dì a la pesa del formai).

p esante grief m. agg. (f. greva); gravia f.. agg; zavarios m. agg. (f.-osa), detto del lavoro.

pesare pesà vb. tr.; pesa du, premere con forza; pesa fuora, pesare, pesare tutto quelo che c’è da pesare.

pesatura pesa f. (dì a la pesa del formai).

pesca persech m. bot.; pesego m. bot.

pesca pesca atto del pescare.

pescare pescà vb. tr., anche vincere in una pesca di beneficenza.

pescatore pescador m.

pesce pes m. zool.

pesco persegher m. bot. (pianta).

peso peso m.; pes m. (pl. pes), anche quello del pendolo dell’orologio; pes de la stadiera, romano della stadera; marco m. mest. mantiene ferma una stecca di legno infilata tra i fili superiori e quelli inferiori della trama; sorbola f. gran carico, gran quantità; se n ciapa na sorbola, prendersi una buona dose di legnate.

pesta zapola f. orma incavata nel terreno nella quale si posa il piede, sentiero fatto di orme; zapole de le vace, orme delle vacche.

pestare pestà vb. tr.; pestà su dut, fare tutto a pezzi; pestà su legne, spaccare la legna; pestà via, tagliare via, mozzare; pestà l pavà, l liron, l saulon, pestare, il papavero, la dorella, i sassi per fare la sabbia.

pestasale pesta-sal m.

pestata pestada f.

pastello ternazon, tarnazon m. pestello della zangola.

pesticciamento zapolada f.

pesticciare zapolà vb. intr. zool. pesticciare delle vacche quando si approssima il parto; tr. zapolà du, calpestare; zapotà vb. tr.; zapotà le patate, zappettare le patate per la prima volta.

pesticciato zapolos m. agg. (f.-osa) terreno.

pesticcìo zapolada f.; zapotada f., s-ciautinada f.; spaciugada f. pesticcìo nel bagnato.

pesticcione zapolon m. (pl.-ogn).

pestino pestin m. mest. cavità circolare in cui due macine in posizione verticale pilano l’orzo; pestaorz m. mest. “pesta-orzo”, tipo il mulino per pilare l’orzo.

peto pet m. (pl. pec); acc. petedon; volè tirà l pet pi grant del cul, prependere di fare cose al di sopra delle proprie posibilità.

petrolio petrolio m.

pettegolezzo pet m.; contà duc raccontare tutti i pettegolezzi; bisbilio m.; l é dut n bisbilio, è tutto un pettegolezzo; schit m. gerg. (p1. schic); dì con duc i schic, andare con ogni pettegolezzo; anche portà, contà duc i schic; cagne f. p1. gerg.; no stà vegnì chilò con ste cagne, non venire qui con questi pettegolezzi.

pettegolo contaschic, contapec m. che racconta ogni pettegolezzo; portapec m.; cagnon m. agg. sost. (p1. -ogn).

pettinare petenà vb. tr.; petenéete, pettinati; agr. petenà l ciar, la luoda, togliere col rastrello dal carro, dalla slitta il fieno che durante il tragitto può cadere; spigolà vb. tr. pettinare il lino o la canapa.

pettinata petenada f.

pettinato petenà p.p. m. agg. (pl. -ai, f. -ada).

pettinatura petenada f. agr. pettinatura col rastrello del fieno caricato sul carro o sulla slitta affinché non si perda nel tragitto; petenadura f.; mascagna f. pettinatura alla Mascagni; persoi m. speciale pettinatura per giovanette: due trecce riunite al centro del cuoio capelluto in modo da formare una specie di cordone dalla fronte alla nuca.

pettine peten m. (p1. -egn); peten fis, pettine a denti fissi; m. mest. pettine del telaio munito di denti attraverso i quali passa il filo; gratarola f. specie di pettine per raccogliere i mirtilli; petenera f. agr. pettine del rastrello.

pettirosso petiros, petaros m. zool. (Motacilla rubecola L).

petto stomech m.

pettorina petorina f., si portava sotto il gilè ed era non di rado ricamata; petina f.

petulante sbazega f. donna bisbetica.

pezza peza f.; peza da piei, pezza da piedi; peza da lavà du, straccio per lavare; peza da sugà du, pezza per asciugare; no tenì pi valgugn inte le peze, non riuscire più a trattenere qu. dentro i cenci; drap m. pezza di lino.pezzetta pezeta f., nella loc. mete la pezeta dapardut, ficcare il naso ovunque.

pezzetto fruz m. (f. fruzola) particella minuta di qualsiasi cosa; tochet m. (p1.-ec); menuzola f.; fai duta na menuzola, mandare tutto in frantumi; miol, miol m. (p1. mioi) piccola quantità; damene n miol, dammene un pezzetto; mingol m. piccola parte, piccola quantità; n mingol de pan, un pezzettino di pane.

pezzo toch m. (p1. toch); fai toch, mandare in pezzi; di in toch, andare in pezzi; ai spetà n toch, ho aspettato un pezzo; n toch de néf, un grosso pezzo di neve; n toch de pan, un pezzo di pane; n toch de asen, un pezzo d’asino, un ignorantone; n bon toch, un bel po’ di tempo; da n toch in ca, da un pezzo a questa parte; da là n toch, dopo un certo tempo; pez m.; fà dut a pez, far tutto a pezzi, mandare tutto in frantumi; pezo m.; i pezi de na machina, i pezzi di una macchina; n pezo de om, un pezzo d’uomo; s-ciop m., nella loc. n s-ciop de fil, un pezzo, una gugliata di filo; no rompe n s-ciop de fil, non rompere un pezzo di filo (non levare un ragno da un buco); toco m., in alcune loc.: n toco de tosa, una ragazza grande e grossa, un pezzo di ragazza.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Name


E-mail


Subscribe


Unsubscribe