Dizionario Italiano - Ladino Selvano       inizio

 

Totale lemmi: 86


ubbidiente obediente m. agg.; valent m. agg. (p1. -enc); n tosat valent, un bambino obbediente.

ubbidienza ubidienza, obedienza f.

ubbidire ubidì, obedì vb. tr. e intr.; stimà vb. tr.; no l stima nia, non ubbidisce; no l sà da se fai stimà, non sa farsi ubbidire.

ubicarsi se luogà, se logà vb. rifl. trovare posto, avere posto a sufficienza; no i se luoga, non hanno posto a sufficienza; i cui se luoga ma stenta a se luogà le teste, i sederi trovano posto con facilità, non così le teste.

ubriacare imbriagà vb. tr.; se imbriagà, ubriacarsi; inciocà vb. tr.; se inciocà, ubriacarsi.

ubriacatura imbriagada f.; inciocada f.; storna f. gerg.

ubriaco imbriago m. agg.; beù, bevù m. agg.; l é n fià beù, ha un po’ bevuto; cioch m. agg.; stinco m. agg. ubriaco fradicio.

ubriacone imbriagon m. agg. (p1.-ogn); gorna f. gerg.; l é na gorna, è un gran bevitore; imbriaghela m. gerg.; imbriaghera m.; minador m. gerg.

uccellino pul m. zool. infant. (p1. pui); pul pul, pui pui, richiamo per pulcini, uccelli.

uccello guzel m. zool. (p1. -iei); reciamo m. zool. inv. uccello da richiamo.

uccidere copà, copà du vb. tr.; desemà vb. tr.; la bolp à desemà le pite, la volpe ha fatto fuori le galline; destirà vb. tr. stendere al suolo; te destire! ti uccido!; destrigà vb. tr.; destrigà le pite, uccidere le galline; mazà vb. tr.

uccisione copada f.

udienza udienza f., più che altro nelle loc. l no dà pi udienza, non ha più coscienza, non dà più segni di vita; 1 no me dà udienza, non mi ascolta, non mi bada.

udire scotà vb. tr.; scotà su, stare a sentire, ascoltare, recepire; scotà su dute le ciacole, ascoltare ogni chiacchiera; sentì vb. tr.

ufficiale ufizial m. (p1. -ai, f. -ala) graduato militare; ufizial de posta, ufficiale di posta.

ufficiatura ofiziadura f.; ufize m. celebrazione religiosa; cantà ufize del vender sant, cantare l’Ufficio del Venerdì santo.

ufficio ufize, ufizio m.; dì par ufizio, dover passare per gli uffici; procedere legalmente; canzeleria f.; monegaria f. ufficio del sagrestano; magnadora f. gerg. scherz. l’insieme degli uffici comunali.

ufo ufa f., nella loc. a ufa, a ufo; ufo m., nella loc. a ufo, a ufo, gratuitamente.

ugola umola f.

uguagliare svalivà, svalivà via vb. tr.; svalivà i ciemp, distendere la terra del campo in modo uniforme; valivà vb. tr. rendere uniforme; anche valivà inte, valivà via, valivà fuora, ecc.; agr. valivà le soz, livellare i solchi in modo che la superficie del campo sia uni-forme.

uguale compagn m. agg.; duc compagn, tutti uguali; mancia l so compagn, manca l’uguale, il corrispondente; recagà m. agg. (p1. -ai, f. -ada), in loc. del tipo: l é sa pare recagà, è suo padre tale e quale; spacato m. agg., in loc. come l é sa pare spacato, è suo padre tale e quale; valif m. agg.

ultimo ultim m. agg.; tirà i ultim, spirare, morire; in ultima, alla fine; in ultima, de le ultime, alla fine, quando si è arrivati in fondo, in conclusio-ne; co l é in ultima, quando è in ultima; esse su le ultime, non poterne più dalla rabbia, dalla stizza, essere per esplodere; i ultim de1 an, l’ultimo giorno dell’anno.

umidiccio umidiz, miz m. agg.; lispio ispio m. agg.; bagnatà m. agg.

umidità umidità f.

umido umido m. agg.; miz m. agg.; tera miza, terra umida e appiccicosa; tumech m. agg.; fen tumech, fieno umido.

umidore fiador m.; l fiador de la stala, il calore umidiccio delle stalle.

umile umile m. agg.; degneol m. agg. (p1. -oi).

umiliazione umiliazion f.

umiltà umiltà f.

umore umor m.; de bon umor, di buon umore; estro m.; luna f. stato d’animo; aé la luna, essere di cattivo umore; se 1 à la luna bona, se è di buon umore; l à la luna de travers, è di cattivo umore; l é levà co la luna, si è alzato di cattivo umore; sort f. gerg.; l é de la pessima sort, è di umore impossibile; amor m. bot. umore delle piante; le piante ciapa l amor, le piante prendono l’umore; no se taia le piante co le và in amor parcié che le se sfenz fazile, non si tagliano le piante quando hanno l’umore perché si rompono facilmente.

umoristico da ride loc. agg..

uncinetto corsè, crossè m.; laurà col corsè, laorà de corsè, lavorare all’uncinetto.

uncino sponcion m. (p1. –ogn); sponton m. (p1. –ogn), anche uncino dell’angier; tirafen m. agr. bastone con uncino per estrarre il fieno dal fumer.

undici undes agg. num. inv.

ungere onde vb. tr. (onde, onde, onz, p.p. ont); cogna onde, bisogna ungere, bisogna fare regali per conseguire i propri obiettivi; se te ciape te onde, se mi capiti tra le mani ti concio per le feste; ingrassà vb. tr., con grasso; smirà vb. tr. ungere i carri.

unghia ongia f.; ongia incarnida, unghia incarnata; se spizà le onge, appuntirsi, limarsi le unghie (dei gatti); l é bon de ongia, è un ladruncolo; l à le onge longe, ha le unghie lunghe, allunga le mani; tirà fuora, mete fuora le onge, tirare fuori le unghie; avanzare pretese; ongela f. unghia di mammifero; mal a le ongele, male alle unghie; desongelà, desgiongelà vb. tr. tagliare le unghie alle vacche prima di applicare i ferri.

unghiata ongiada f.

unghiella diaulign, diaolign m. p1.; ài ciapà i diaolin a le magn, mi si sono informicolate le mani.

unghiello ongia f. unghiello degli animali.

unguento ingent, ongent m.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati