Dizionario Italiano - Ladino Selvano       inizio

 

Totale lemmi: 269


vacanza vacanza f.

vacca vacia f. zool.; vacia bona da lat, vacca lattifera; dì co le vace, pascolare le vacche, custodirle al pascolo; vacia ladina da monde, vacca che ha i capezzoli morbidi e si munge facilmente; menà le vace a paussà, condurre le vacche a meriggiare; i vo1 la vacia e anca l vedel, vogliono la vacca e anche il vitello (cioè tutto); roncia f. zool. spreg. vacca vecchia e malandata; i puol se le tole su na fercia chele ronce, può caricarsele sulla schiena vacche così magre e rifinite; vaca f., in loc. del tipo: a la vaca, in modo sudicio e disordinato; se butà in vaca, non avere più voglia di lavorare, di fare del bene; vaca! escl.

vaccherella romela f. zool. vacche­rella magra dà poco latte.

vacchetta vacheta f., anche legaccio di pelle per stringere il polso quando c’è una slogatura dei nervi.

vaccinare incalmà vb. tr.

vaccinazione incalmo m.; variole f. p1. vaccinazione antivaiolosa, pustole o cicatrici causate da vaccinazione; i é vegnù fuora na variola sola, ha attecchito solo una vaccinazione.

vacillante bazilon m. agg. (p1. -on, -ogn).

vagabondaggio spiazedada f.; girada f.; girolada f.

vagabondare spiazedà vb. intr. battere le piazze; girà vb. intr.; girà dintorn, andare in giro, andare a zonzo; bandolà vb. intr.; girolà vb. intr. andare a zonzo; notolà vb. intr. stare in giro di notte, sciupare la notte; slondronà vb. intr. andare a zonzo, vivere disonestamente; dì a roazuch vb. intr.

vagabondo sbrindol m. spreg., f. sbrindola donna o ragazza che sta sempre per le strade; zinghen m., zinghena f. ragazzina impertinente, volubile, mal vestita, sempre a zonzo; bagolon m. agg. (p1. -ogn); bandolon m. agg. (p1. -ogn); baraba m.; fà l baraba, fare il barabba, comportarsi in modo sregolato o poco onesto; despiantà m. agg.; girovago m.; lazaron m. (p1. -ogn) individuo poco raccomandabile; vestì come n lazaron, vestito come un lazzarone (malconcio, cencioso); lobia m., accr. lobion; pelandron m. agg. (p1. -ogn); rondolon m. (p1. -ogn); a rondolon, a zonzo; slondron m. (p1. -ogn) che è senza voglia di lavorare, poco di buono; dì a slondron, andare a zonzo, vagabondare, fare la malavita; stracabanch m.; vagabondo m. agg.; tordiolon m. (p1. -ogn); zonzolon m. (pl. -ogn).

vagina mona f. genitali femminili; natura f. zool.; sbanzega f. gerg. natura della donna.

vaglia valia m. rec.

vagliare draià, draià su vb. tr. agr.; vande vb. tr.

vagliatura draiada f. agr.; draiadura f. resto della vagliatura.

vaglio carvel m. agr. (p1. -iei); mest. carvel da la malta, vaglio per passare la malta; carvel da la giara, dal saulon, da la sabia, crivello per setacciare ghiaia, sabbia; drai m. agr. vaglio di vimini o altro per pulire il grano; aè la cossienza come l drai de la fava, non avere coscienza, essere insensibili (il setaccio per la fava ha una maglia molto larga); tames, tamis m. agr.; vant m. agr. (p1. vanc) grosso vaglio di vimini per setacciare il grano e liberarlo dalla paglia, vaglio a forma di conchiglia; vant da desgalà, attrezzo per sciogliere la calce.

vagone vagon m.

vaiuolo variole f. p1. pustole o cicatrici causate da vaccinazione.

valanga levina f. valanga di neve; di in levina, essere travolti, da una valanga; sbuf m. piccola scivolata di neve su un pendio; slevinada f. scivo­lamento di neve sul terreno.

Valentino Valantin, Valentin n.p

valere valè vb. intr. (vale, vale, val, p.p. valù, valest).

valicare fai la forzela vb.; pasà la mont vb.

valico dof m. valico di monte esteso, ondulato e tondeggiante; can che ruon sul dof pausson, quando arriviamo sul valico riposiamo; forzela f.

valido bon m. agg.

valigetta bulga f. piccola valigia di pelle.

valigia valis f.

vallata valada f.; val f.

valle val f. (p1. vai); a val, a forma di valle, avvallato; valada f.

valletta valesina f.; valesela f.

vallone valon m. (p1. -ogn).

valore valor m.; roba de valor, cose di valore.

valutare stimà vb. tr.

valutazione stima f.

vampata bampa f.; svampada f. vampata di calore della cucina eco­nomica; vampada f.

vanaglorioso grandon m. agg. (p1.-ogn); sbrauros m. agg.

vaneggiare stravalicà vb. intr.; ài tant pensà e stravalicà che duoba santa la ven de vender, ho vaneggiato tanto a lungo che giovedì santo viene di venerdì; zavarià vb. intr. (zavàrie, zavàrie, zavària, p.p. zavarià); 1 zavarìa, ha la febbre, vaneggia; zurlà vb. intr.

vanerello pazit m. agg. (p1. -ic) (po ben n fià pazit); blagheta m.; spuzetam.

vanesio sbrendol m., sbrendola f. spreg. ragazzetta vanitosa e leggera.

vanga badil m.; badila f.

vangare sbadilà vb. tr. agr.; sbadilà na vara,vangare una vara, aprendola alla coltivazione.

vangata sbadilada f agr.


 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati