E' scomparso Max Pfister

 

L'Istituto Ladin de la Dolomites si associa al compianto della comunità scientifica europea per la scomparsa del professor Max Pfister. Laureatosi nel 1958 con una tesi sul lessico provenzale antico, dapprima aveva insegnato francese e italiano a Zurigo, partecipando con Walther von Wartburg alla redazione del Französisches Etymologisches Wörterbuch. Conseguita l'abilitazione a Zurigo, dal 1969 al 1974 aveva insegnato filologia romanza a Marburg, quindi linguistica romanza a Saarbrücken. Aveva studiato filologia romanza a Zurigo, trascorrendo periodi di studio presso la Scuola Normale Superiore di Pisa e in altre università europee. Nato a Zurigo nel 1932, il linguista è deceduto a Saarbrücken in Germania, dove risiedeva, il 21 ottobre scorso. Dal 1986 al 1989 fu presidente della Société de Linguistique Romane dal 1989 al 1999 direttore della Zeitschrift für romanische Philologie. Socio di numerose istituzioni linguistiche europee, fu insignito della laurea honoris causa dalle Università di Bari, Lecce, Torino, Roma e Palermo, e nominato Ufficiale dell' Ordine al merito della Repubblica Italiana. Il professor Pfister era conosciuto anche in Valle del Boite e presso l'Istituto Ladin de la Dolomites, e gli amici lo ricorderanno con piacere. La sua opera più nota è il LEI-Lessico Etimologico Italiano, uscito dal 1979 in fascicoli periodici e giunto nel 2016 a buona parte della lettera C, metà della lettera D e un volume sugli etimi di origine germanica.

 

Borca di Cadore, 26 ottobre 2017.

 

 

info@istitutoladino.it

Iscriviti alla nostra newsletter

Nome


E-mail


Iscriviti


Cancellati